Tartellette integrali di farro con cipolla, olive e uvetta
Tartellette integrali di farro con cipolla, olive e uvetta

Tartellette integrali di farro con cipolla, olive e uvetta

Pizza, focacce e torte salate

Semplicità e sapore, così può venire riassunto questo antipasto che fa onore alla tradizione mediterranea. Queste tartellette sono una elegante reinterpretazione del classico “calzone di cipolla” tipico della Puglia. Ideali in qualsiasi occasione e perché no, anche a Natale o Capodanno.

Autore: bye-bye salsiccia by Fabiana Toni

Per quante persone
6 persone
Tempo di preparazione
50 minuti
Tempo di cottura
20 minuti
Ingredienti
7
Difficoltà
Media

Note aggiuntive

La ricetta è per 18 tartellette.

Per velocizzare la preparazione

Per velocizzare la preparazione è possibile preparare il ripieno in anticipo conservandolo poi in frigorifero. Inoltre per praticità è possibile tralasciare la decorazione a strisce preferendo di ricoprire il ripieno con la sfoglia semplicemente stesa (vedi fase 08).

Ingredienti

Cipolle
700 g ca. (già pulite)
Uvetta sultanina
40 g ca.
Olive nere
18
Olio di oliva extra vergine
95 ml ca.
Sale marino integrale fino
1,5 pugnetti (ca. 8 g)
Farina di farro integrale
250 g
Acqua
95 ml

Nutrienti per porzione

  • Proteine 9 %
  • Lipidi 49 %
  • Glicidi 42 %
  • Energia 351 kcal
  • Proteine 7.7 g
  • Lipidi 19 g
  • Carboidrati disponibili 40 g
  • Fibra totale 4.6 g
  • Colesterolo 0 mg

Fasi della ricetta

  • 1

    Pulire le cipolle e tagliarle a rondelle con un mandolino. Metterle in una pentola antiaderente e cuocerle a fuoco medio con un cucchiaio di olio. Continuare a mescolare - per evitare che si bruci - finché la cipolla avrà raggiunto un colore dorato e sarà diminuita notevolmente in volume. Aggiungere il sale integrale fino e pepe a piacere, mescolare bene e spegnere il fuoco.

  • 2

    In una ciotola versare la farina, il sale integrale, l'olio e progressivamente l'acqua amalgamando il tutto. Trasferire l'impasto su una spianatoia (preferibilmente di legno) ed impastare fino ad ottenere una massa omogenea.

  • 3

    Ungere le formine (di 6 cm di diametro) con poco olio di oliva usando le mani per cospargerle uniformemente. A questo punto stendere l'impasto con l'aiuto di un mattarello fino ad ottenere uno spessore di ca 1,5-2 mm. Con l'aiuto di un coppapasta ricavare 18 cerchi.

  • 4

    Adagiare l'impasto a forma di cerchio nelle formine e forarlo con una forchetta per evitare che si gonfi durante la cottura in forno. Riempire le tartellette con le cipolle.

  • 5

    Aggiungere le olive tagliate a piccoli pezzetti e le uvette distribuendole uniformemente. Stendere la parte restante dell'impasto con l'aiuto del mattarello e tagliarlo a strisce.

  • 6

    Adagiare le strisce sopra al ripieno perpendicolarmente tra loro facendo in modo che si intreccino come nella tela di un tessuto e rimuovendo la parte in eccesso. Una volta ricoperte tutte le tartellette con le strisce spennellare la superficie con un po' di olio evo.

  • 7

    Cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per ca. 20 minuti o in ogni caso finché la superficie risulti leggermente dorata. Lasciare raffreddare e servire.

Note conclusive

Note nutrizionali: La farina integrale di farro è una scelta migliore rispetto alla farina integrale di frumento visto che il farro è un grano antico e quindi a livello molecolare più semplice. Questa caratteristica, oltre al fatto che il farro contenga una quantità di glutine minore rispetto al frumento, ne facilita la digeribilità. Inoltre l'utilizzo della farina integrale (indipendentemente dal tipo di cereale) rende questa ricetta a basso indice glicemico, soprattutto perché abbinata a verdure, ricche ulteriormente di fibre. Questa torta è un pasto che ci fornisce tanto nutrimento ed energia che viene rilasciata lentamente durante la giornata.

Nutrizione


ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito/app sono presentate a solo scopo informativo ed in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di determinati alimenti o ricette, si consiglia di contattare il proprio medico.


Sana Cucina è un progetto di Embory ltd - London. Sito e app a cura di DM Digital

Copyright © 2017 Cookies & Privacy Policy