Tartufi di castagne al cocco
Tartufi di castagne al cocco

Tartufi di castagne al cocco

Dessert

Hanno il sapore della festa queste praline morbide dal cuore di castagna e cioccolato. Voglia di una coccola autunnale, avvolgente come l'atmosfera di un caminetto acceso, mentre la memoria va alla fiamma viva e al crepitare allegro delle castagne che saltano nella vecchia padella di rame...

Autore: Mangianatura, Roberta Colombini

Per quante persone
6 persone
Tempo di preparazione
15 minuti
Tempo di cottura
3 minuti
Ingredienti
4
Difficoltà
Facile

Note aggiuntive

+ il tempo di cottura e pelatura delle castagne

Per velocizzare la preparazione

Cuoci le castagne al forno o in padella il giorno prima e riscaldale solo brevemente (3 minuti) con pochissima acqua.

Ingredienti

Castagne
150 g (polpa)
Cioccolato fondente 70%
75 g
Olio di cocco extra vergine
25 g
Cocco rapè
2 cucchiai colmi

Nutrienti per porzione

  • Proteine 4.5 %
  • Lipidi 57 %
  • Glicidi 38.5 %
  • Energia 150 kcal
  • Proteine 2 g
  • Lipidi 10 g
  • Carboidrati disponibili 16 g
  • Potassio 153 mg
  • Ferro 1 mg

Fasi della ricetta

  • 1

    La versione classica prevede di utilizzare castagne bollite. Versa le castagne in un tegame e ricoprile di acqua fredda (almeno 2 centimetri sopra al livello dei frutti). Porta a ebollizione e cuoci per 40 minuti. Trascorso questo tempo, scola le castagne e ricavane la polpa, spellandole ed eliminando anche la cuticola interna. In alternativa si possono tagliare a metà e scavare con un cucchiaino.

  • 2

    La versione "nonna Valeria", pratica e intelligente come lei, prevede invece una preparazione a caldarrosta, in padella o al forno: molto più veloce sia in fase di cottura che di pelatura. Unica avvertenza: scegli castagne della varietà "marrone", adatta a questo tipo di cottura perché si sguscia facilmente. Procedimento: incidi la buccia dei marroni con un coltello, praticando un taglio della lunghezza di circa 1,5 cm e poco profondo, quello che è sufficiente per aprire la buccia senza tagliare la polpa. Cuoci in forno preriscaldato per una quindicina di minuti oppure in padella, sul fornello a fuoco vivace, finché non vedrai che i gusci si aprono mostrando i frutti all'interno. Fodera una terrina con un panno o uno strofinaccio da cucina ripiegato a formare un po' di spessore e avvolgile bene, mantenendole al caldo per almeno 5 minuti. Quindi sguscia le tue castagne.

  • 3

    Nel frattempo spezzetta il cioccolato e fallo fondere a bagnomaria. L'olio di cocco ha consistenza fluida o solida a seconda della temperatura. Eventualmente basta metterlo vicino ad una fonte di calore per qualche minuto per scioglierlo.

  • 4

    Per ottenere la polpa, tradizionalmente si utilizza il passaverdura. Puoi anche frullare, ma facendo attenzione a non ottenere un impasto reso colloso dall'effetto di riscaldamento dato dalla lama e dalla velocità. Modula ad impulsi e verifica il risultato di tanto in tanto.

  • 5

    Raccogli la polpa di castagne in una ciotola; aggiungi il cioccolato fuso e il burro di cocco. Mescola ed amalgama gli ingredienti fino ad ottenere un composto uniforme e plastico.

  • 6

    Versa il cocco rapè in un piatto. Raccogli il composto a cucchiaiate e forma, rullandole fra le mani, delle palline che poi rotolerai nel cocco, ricoprendole uniformemente.

Note conclusive

Il trucco della nonna Valeria, che cuocere le castagne a caldarrosta in precedenza, ti permette di preparare questi dolcetti anche in inverno, quando il tempo delle castagne è ormai terminato... 

Cuoci le castagne al forno o in padella, sbucciale mentre sono ancora calde (per facilitare l'operazione) poi, una volta raffreddate, conservale nel congelatore in sacchetti del peso desiderato. 

Quando vorrai preparare i tartufi di castagne, preleva dal congelatore la quantità desiderata, fai rinvenire le tue castagne in acqua bollente per 3 minuti circa e poi inizia con la preparazione dal punto 3.

Nutrizione


ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito/app sono presentate a solo scopo informativo ed in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di determinati alimenti o ricette, si consiglia di contattare il proprio medico.


Sana Cucina è un progetto di Embory ltd - London. Sito e app a cura di DM Digital

Copyright © 2017 Cookies & Privacy Policy