Gli errori dell'Estate

11/06/2018
  • By: Carolina Poli Dietista Nutrizionista
Gli errori dell'Estate
l periodo estivo, contrariamente alle proprie convinzioni, è pieno di errori alimentari e false credenze che possono portare inconsapevolmente all’aumento di peso o ad evitare di dimagrire quando lo vorremmo.
Tutti, soprattutto a causa della stagione calda, tendiamo a scegliere cibi freddi ignorando che spesso apportano più calorie rispetto ad altri.
Quindi le fettine di carne magra ai ferri o i filetti di pesce al forno, che ci hanno accompagnato durante l’inverno, vengono sostituiti da salumi, affettati, formaggi e insalate di mare.
L’ elevata assunzione di sale, oltre che a favorire una disidratazione, favorisce la ritenzione idrica.Quindi, se proprio non si riesce a rinunciare agli affettati, scegliere le qualità più “dolci” rispetto a quelle più salate.
Per quanto riguarda i formaggi, frequentemente nel periodo estivo ricorrono formaggi freschi come mozzarella, all’interno di insalatone o nella caprese, formaggi stagionati come il grana , a scaglie su diverse preparazioni o cubetti di emmenthal nelle insalate di riso. Questi alimenti non vanno assolutamente demonizzati, perchè, oltre ad aspetti negativi quali l’elevato contenuto di sale, l’apporto di grassi saturi e di colesterolo, hanno aspetti positivi come l’elevata presenza di calcio e di vitamina B12. Quindi è fondamentale avere l’accortezza di non scegliere un piatto a base di formaggi o comunque con formaggi come ingredienti  quotidianamente, ma di assumerli,  come dettato dalle linee guida, al massimo 1-2 volte alla settimana. Piatti tipici estivi sono l’insalata di riso o le paste fredde che spesso vengono arricchiti a tal punto da trasformarli in piatti ricchi di calorie senza che noi ce ne rendiamo conto e spesso ne prendiamo più di una porzione perché “tanto è un’insalata di riso”.
Fondamentale è preparare un'insalata di riso ricca di verdure fresche e aggiungendo 1, al massimo 2 ingredienti scelti  tra tonno, mozzarella, prosciutto, uova ecc... senza eccedere nelle quantità.
Spesso, invece, le insalate di riso presentano: verdure sott’olio ipercaloriche, la presenza di cubetti di formaggio, wurstel, prosciutto, tonno sott’olio, olive e talvolta anche la maionese.
Lo stesso errore spesso riguarda le insalatone che, per “stare leggeri” sono a base di mozzarelline o feta, tonno sott’olio, mais e a volte pure un uovo sodo.
Anche in questo caso è fondamentale che sia presente un solo ingrediente(formaggio o tonno sott’olio o uovo…) oltre la verdura mista e tenere in considerazione che il mais è un cereale, quindi un carboidrato che può sostituire, in toto o in parte, il pane di accompagnamento.
Altro errore della stagione estiva è quello di abusare della frutta di stagione: ciliegie, pesche, fragole, cocomero, melone….è consigliabile non eccedere i 450-500 grammi di frutta al giorno, pari a 3 frutti di media grandezza, in quanto la frutta, oltre che a contenere vitamine, sali minerali, fibre, acqua e antiossidanti contiene zuccheri che, se presenti in eccesso nella nostra alimentazione, favoriscono l’aumento del grasso corporeo. 
Attenzione anche alle bevande! Spesso a causa del caldo o dall’aumento di situazioni conviviali con gli amici nell’ora dell’aperitivo, in estate frequentemente beviamo succhi di frutta, bibite analcoliche dolci, cocktails, drink alla frutta, tutte bevande che apportano zuccheri e calorie in eccesso.
Quindi, per aiutarvi ad avere un’alimentazione equilibrata e corretta anche durante il periodo estivo ricordatevi di:
Sostituire il più possibile l’acqua all’ assunzione delle bibite dolci e di bere almeno 2 litri di acqua al giorno per sfiduciare la disidratazione e la ritenzione idrica.
Preferire piatti tiepidi perché stimolano di più il senso di sazietà rispetto ai piatti freddi
Assumere i formaggi non più di 1-2 volte alla settimana
Assumere gli affettati magri come prosciutto crudo, cotto, bresaola, fesa di tacchino…al massimo 1-2 volte alla settimana 
Evitare salumi come salame, salsiccia, mortadella.
Assumere pesce, evitando crostacei, molluschi e mitili, almeno 2-3 volte alla settimana
Evitare di assumere carne più di 4 volte alla settimana preferendo quelle magre bianche come pollo, tacchino, coniglio, vitello.
Inserire non più di 2 uova alla settimana
Evitare di eccedere nella quantità di frutta giornaliera: massimo 500g/die
Imparare a sostituire le pietanze con legumi (fagioli, lenticchie, ceci…) che possono essere consumati freddi senza che però apportino quantità eccessive di sale, conservanti e grassi tenendo comunque d’occhio le quantità.

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito/app sono presentate a solo scopo informativo ed in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di determinati alimenti o ricette, si consiglia di contattare il proprio medico.


Sana Cucina è un progetto di Embory ltd - London. Sito e app a cura di DM Digital

Copyright © 2017 Cookies & Privacy Policy